IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

The Wine Village Martedi 30 Marzo 2021

In ogni azienda del vino c’è un Eroe-Traditore

The Wine Village: Eroe-Traditore. Quando si impara a non temere il giudizio degli altri, pronti anche a scombinare "la partita" in modo inaspettato.

di Cristian Fanzolato

Abbiamo conosciuto già diversi personaggi di  “The Wine Village” e il “gioco” si fa sempre più interessante. Molti di voi stanno provando a riconoscersi e a riconoscere, tra le persone con cui collaborano, quale di questi li rappresenti meglio.

Provate a leggere le caratteristiche di ogni personaggio in relazione al vostro ruolo professionale, alla vostra posizione in azienda. Rispetto a quello che vi “ritrovate” a fare e quelle che invece sono le vostre attitudini, che non sempre coincidono tra loro.

“Ascoltate” i personaggi e provate a vedere in loro una figura professionale

In questa intervista ci siamo trovati di fronte ad uno degli abitanti del villaggio più “liberi”. Stiamo parlando dell’Eroe-Traditore. Possiamo definirlo il “jolly” del nostro gioco, colui che sorprende e può cambiare le sorti di tutto e tutti. In fondo tutti noi possiamo essere degli Eroi-Traditori.  

Infatti ogni figura del villaggio, nello stato di piena consapevolezza ed energia, accede alla propria dimensione eroica ed esprime i propri tratti evolutivi. 

1. Come può un Eroe essere chiamato Traditore?

“L’atto eroico è sempre un atto di “tradimento”, un cambio di rotta che alla maggioranza del “villaggio” suona come dissonante, non conforme alla linea di condotta che magari ho tenuto fino a quel momento. È l’eterno “dramma” del processo evolutivo che parte dal singolo e turba il contesto. Possiamo dire che sono i duel lati di una stessa medaglia”

2. Quindi avviene un cambiamento nel tuo comportamento?

“ Quando non mi realizzo e vengo bloccato nel mio desiderio di realizzazione, posso diventare un Traditore. Proprio perché conosco bene le risorse e le potenzialità posso utilizzarle in chiave negativa, danneggiando il villaggio e me stesso. Ad ogni modo ogni figura del villaggio vive nel delicato equilibrio tra tratti evolutivi e zone critiche.”

3. Spiegaci meglio, in che senso sei un Traditore? 

“Tradire deriva dal latino tradere, consegnare, in sostanza, significa tradire una consegna, cioè un ordine, un sistema precedente, in nome di una nuova “consegna”, di un nuovo ordine, di un nuovo sistema.”

4. E dove sta l’eroismo?

“Il vero eroismo è essere se stessi. Vivere liberi dalle aspettative sociali, non assoggettati all’orgoglio personale, svincolati dall’essere migliore o peggiore di qualcuno. L’importante è invece che ciascuno di noi trovi la propria forma di eroismo. Essere l’Eroe vuol dire comprendere qual è il modo migliore per dare il proprio contributo alla vita e all’armonia del villaggio. Vuol dire trovare la proprio strada, liberarsi dal peso del giudizio.”

5. Come ti relazioni con gli altri?

“Diciamo che sono un abitante del villaggio a sé stante, perché son impegnato in questo percorso di liberazione personale. Il mio desiderio è aiutare tutti gli altri a liberarsi dal bisogno del consenso.

Ho superato la paura della critica e sono libero di pensare, di dire e di agire.”

6. C’è un Eroe-Traditore anche nelle Aziende del vino?

“In tutte le aziende, comprese quelle del vino, c’è un Eroe/Traditore,  perché tutti lo sono, chi più chi meno. 

Alzi la mano chi, nell’ambito dell’attività che svolge o del ruolo che ricopre, non abbia responsabilità

o azioni che non vorrebbe assolutamente assolvere ma si sente costretto a farlo.

Questo accade spesso nel mondo del vino, quando alcuni si trovano intrappolati in aziende che hanno già uno stile che non rispecchia il loro, o dove ci sono stili e procedure diversi da quelli che pensano loro. 

Per certi aspetti potremmo dire che è quasi fondamentale avere Eroi-Traditori come me in azienda perché ci facciamo carico di mansioni che magari “odiamo” ma cerchiamo di fare nel modo migliore possibile. È fondamentale però che questo “sacrificio” non porti al disprezzo di ciò che si sta facendo o ci viene chiesto di fare.

Capire se è il momento giusto per tradire per evitare che l’eroismo porti a frustrazioni e quindi ad errori gravi è segno di intelligenza e coraggio. ”

 

Conoscete qualche Eroe-Traditore? Pensate di poterlo essere voi?

Attenzione non riconoscere questo personaggio è un problema, perché questo determina pericolose frustrazioni che in un’azienda del vino si esprimono in particolare con una comunicazione poco efficace, con evidenti difficoltà nelle relazioni.

 

Per scoprire di più del potenziale di “The Wine Village” o per una consulenza scrivete a redazione@winemeridian.com.

 

12