IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 29 Giugno 2020

Usa: volumi vino stabili favoriti top import brands e nazionali

Horeca in calo del 29%, il mercato online e DtC cresce del 10%. Sempre più consumatori si affidano ai prodotti nazionali e brand internazionali riconosciuti.

di Emanuele Fiorio

Secondo Wine Intelligence, i volumi del mercato vinicolo statunitense resteranno piatti nel 2020, con i numeri dell’off-premise (online, retail e GDO) che in parte compenseranno il calo del 29% dei volumi dell’Horeca.

Il consumo totale di vino negli Stati Uniti rimarrà stabile nel 2020, con i consumatori che stanno bevendo più o meno la stessa quantità di vino, ma maggiormente all’interno delle mura casalinghe piuttosto che fuori.
I volumi dell’off-premise cresceranno di circa il 10%, mentre i volumi dell’Horeca diminuiranno del 29%, secondo le stime di Wine Intelligence, basate su dati incrociati pubblicati da IWSR, Nielsen e Wines & Vines Analytics.

Il modello di base non prevede una seconda ondata di infezioni da coronavirus che colpisca gli Stati Uniti nella seconda metà del 2020. 
La proiezione peggiore, ipotizzando una seconda ondata di virus con un blocco in ottobre e novembre, prevede un calo di circa il 2-3% dei volumi totali di vino, con un calo dell’Horeca di circa il 50% rispetto all'anno precedente.
La base del modello è stata un'indagine su 2.000 adulti americani che bevono vino almeno una volta al mese, condotta a marzo e aprile 2020. Gli è stato chiesto di descrivere il loro normale comportamento nel bere vino, come il loro consumo di vino era cambiato in seguito al lockdown e quali erano le loro intenzioni una volta allentate le restrizioni.

Commentando le previsioni, Lulie Halstead, CEO di Wine Intelligence, ha dichiarato: "In linea con quanto osservato nel mercato del vino durante e dopo la crisi finanziaria globale del 2008-10, i volumi di vino reggeranno nel mercato statunitense, favorendo sia i brand nazionali che quelli d'importazione più importanti".
Ha aggiunto: "L'aumento dei dazi e il predominio del vino nazionale venduto attraverso i canali online e DtC ha già messo sotto pressione i marchi d'importazione sul mercato statunitense e questi cambiamenti in corso aumenteranno la pressione sugli esportatori verso il mercato statunitense".