IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Venerdi 16 Luglio 2021

Sughero o vite? Questione anagrafica

Una indagine di Wine Intelligence mostra che in UK, Millennials e Gen Z preferiscono bottiglie con tappi in sughero, mentre gli over 65 prediligono i tappi a vite.

di Emanuele Fiorio

In Inghilterra, secondo una recente indagine di Wine Intelligence, la generazione più anziana è più propensa ad acquistare vini con il tappo a vite.

The Drinks Business ha raccolto la testimonianza di Lulie Halstead, analista senior di Wine Intelligence, la quale ha sottolineato che i dati emersi dal sondaggio sono in controtendenza rispetto alla classica narrazione che descrive i giovani come la categoria più aperta ed incline verso tappi alternativi al sughero. 

"Utilità e funzionalità sono importanti per i consumatori almeno quanto la tradizione; i nostri dati mostrano che i consumatori più anziani preferiscono il tappo a vite rispetto al sughero, perché sono molto facili da aprire", ha riferito Halstead.
La ricerca indica che l'accettazione del tappo a vite è diffusa tra i bevitori oltre i 65 anni: più della metà (51%) di tutti gli intervistati ha dichiarato di preferire le bottiglie con il tappo a vite, mentre una percentuale maggiore di consumatori intorno ai 20 anni preferisce effettivamente il sughero".

"La Gen Z associa il sughero a una qualità superiore e considera i vini con tappo a vite meno pregiati. I Millennials intervistati hanno anche mostrato una preferenza per il sughero naturale rispetto alle alternative come i tappi di plastica".

Il 18% degli intervistati di età compresa tra i 18-24 anni ha espresso un'avversione per i tappi a vite, rispetto a solo il 4% della fascia demografica oltre i 65 anni.

Halstead ha aggiunto che gli atteggiamenti verso i diversi sistemi di chiusura delle bottiglie variano significativamente a seconda dei diversi mercati del mondo: "I dati di Wine Intelligence sul mercato statunitense suggeriscono che molti americani anziani sono riluttanti ad acquistare vini non sigillati sotto sughero. Questo li differenzia dai cugini britannici".

Carlos de Jesus (Marketing and Communication Manager di Amorim Group) ha definito i risultati dell’indagine "buone notizie" per il sughero naturale nel Regno Unito: "Non vediamo l'ora di coinvolgere ulteriormente i consumatori più giovani; quello in sughero naturale è l'unico tappo per vino sostenibile, rinnovabile e riciclabile al 100% e garantisce un impatto positivo misurabile e dimostrabile sia sull'ambiente che sul vino".