IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 03 Marzo 2014

San Valentino fa scoprire il Franciacorta ai californiani

Esemplare articolo del San Jose Mercury News

di Fabio Piccoli

Spesso noi italiani scopriamo che all’estero ci considerano meglio rispetto a quanto noi facciamo nel nostro Paese. Non è un caso, infatti, che talvolta abbiamo bisogno di andare all’estero proprio per aumentare la nostra autostima.
Un recente esempio in questa direzione ci arriva dalla California. In un articolo – scritto da Laurie Daniel (ladaniel@earthlink.net) e pubblicato dall’edizione online del San Jose Mercury News (www.mercurynews.com) si promuove il Franciacorta come vino ideale per festeggiare il San Valentino’s Day. In realtà, come leggerete di seguito, San Valentino è solo un pretesto del giornalista per parlare del famoso (più in Italia che all’estero purtroppo) metodo classico italiano.
E’ tutto il tono dell’articolo, infatti, che deve far riflettere.
L’inizio, infatti, è alquanto indicativo: "la città italiana di Milano ha una sexy ed elegante immagine . E' un centro della moda e del design, della cultura con uno dei maggiori teatri d’Opera al mondo (il famoso Teatro alla Scala ) e le auto veloci (l'annuale Gran Premio italiano di Monza) - e lo spumante denominato Franciacorta celebra tutto questo.
Potremmo anche fermarci qui per evidenziare, come spesso facciamo sul nostro magazine, che il legame che c’è tra le nostre grandi produzioni enologiche e l’immagine, lo stile, l’eleganza del nostro Paese, è percepito in maniera fortissima nel mondo. Spesso, purtroppo, siamo noi a dimenticarlo, con promozioni che si ostinano a parlare solo di vino, di caratteristiche organolettiche dimenticando la forza straordinaria della fascinazione proveniente dall’essere "made in Italy".
L’articolo evidenzia, inoltre, che Franciacorta è lo spumante ufficiale della Settimana della Moda di Milano…..e al suo meglio è in grado di rivaleggiare con i più famosi vini della Champagne, ed è generalmente un po’ meno costoso.
Molti indicativa anche l’affermazione: "Se non avete sentito parlare di Franciacorta non è certo sorprendente in quanto il 90% o più di Franciacorta non lascia l'Italia. Ma i produttori più lungimiranti capiscono che se un vino vuole avere una classe mondiale, ha bisogno di avere una forte presenza all'estero. Per questa ragione alcuni brand importanti hanno iniziato recentemente una forte spinta nel mercato Usa, come Ca'del Bosco , Bellavista e Berlucchi, che sono tutti eccellenti; Contadi Castaldi, che è sotto la stessa proprietà di Bellavista, produce di ottimo livello, a partire da meno di 25 dollari".
"La più grande differenza tra Franciacorta e Champagne – prosegue l’articolo - è che il primo ha un clima più caldo, con la conseguenza di vini un po’ più maturi e un livello di acidità apparentemente inferiore.
"Nonostante l’identità italiana Franciacorta, le etichette di questa denominazione portano un sacco di termini francesi, come brut , rosé , Pas Dosé. Ma c'è un tipo di Franciacorta con un nome univoco: Saten , che rappresenta circa il 12% della produzione di Franciacorta . Saten è fatto da tutte le uve bianche , di solito chardonnay." Il vino ha anche abbassare la pressione in bottiglia , quindi è meno frizzante , dandogli una struttura più regolare .
L’articolo si chiude con alcune valutazioni di Maurizio Zanella che "riconosce che la Franciacorta è ancora un work in progress. In futuro, gli piacerebbe vedere una classificazione in grado di delineare meglio le aree produttive del territorio: per esempio , colline vs siti bassa quota…