IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Martedi 05 Novembre 2013

La Michelin svela i talenti Terza stella al Reale di Niko

Siamo alla 113' edizione della Rossa e le tre stelle passano da sette a otto.

di Alberto Tonello


L'attesa è terminata. La Michelin ha sciolto le riserve e anche per l'edizione 2014 ha votato i migliori. Certo la stella è il metro di paragone più tangibile, ma quest'anno la Rossa si distingue anche per una attenzione particolare al rapporto qualità prezzo. La crisi si fa sentire. Ecco dunque che sono stati selezionati 940 menù a meno di 25 euro e 294 bib gourmand a meno di 30. 113 gli anni della guida, arrivata in nel 1956 quando le prime stelle furono 81.
Rispetto al Charlie, misterioso capo dei tre Angeli nella famosa serie televisiva, il nuovo direttore Italia, Sergio lovrinovich, almeno nel video si fa inquadrare le mani, ma resterà un direttore in anonimato. Come anonime resteranno le guide anche se su questo punto le leggende si sprecano su chi sa e conosce in anticipo volti e giorni di visita.
Ma veniamo alle novità, quelle per cui tutti eravamo in trepida attesa. Partiamo dalle più importanti. Innazitutto l'ottava, nuova, terza stella. Se la porta a casa Niko Romito, e per me è un particolare piacere annunciarlo, perché Niko è un grande, un talento, un signore sul piano umano e si è fatto un mazzo tanto. È quasi tremante, gli occhi lucidi: "Si realizza un sogno – ha ammesso Romito – un risultato meraviglioso che voglio condividere con mia sorella Cristiana e con una squadra di collaboratori infaticabile. Oggi ha vinto un gruppo. Questo è solo l'inizio però, continueremo a lavorare con dedizione senza dimenticare ovviamente la nostra scuola di cucina, la Niko Romito Formazione e Spazio".
Corrado Fasolato porta a casa la prima stella con la sua nuova pazza avventura nei boschio sopra a Schio, cittadina nel vicentino. Dopo i fasti del Met a Venezia, che di stelle ne era valse due, Corrado con la moglie e la figlia ha rilanciato una sfida estrema ma...possibile. Anche questa sarebbe una storia tutta da raccontare. Ma sarà per un'altra volta.
Restando nell'eccellenza della ristorazione nazionale sono ben tre i ristoranti che passano da una a due stelle Michelin: Villa Fetrinelli a Cargnano sul lago di Garda, Devero di Enrico Bartolini e la Locanda Don Serafino.

Le altre tre stelle sono L'Enoteca Pinchiorri a Firenze, L'Osteria Francescana a Modena, Le Calandre a Rubano (Padova), Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo), Piazza Duomo ad Alba (Cuneo), La Pergola a Roma, Dal Pescatore a Canneto Sull'Oglio (Mantova).


Due Stelle novità

Devero Ristorante – Enrico Bartolini – Cavenago di Brianza
Locanda Don Serafino – Vincenzo Candiano – Ragusa Ibla
Villa Feltrinelli – Stefano Baiocco – Gargnano
Nuovi Una Stella
Frankrizzuti – Frank Rizzuti – Potenza
Antonio Abbruzzino – Antonio Abbruzzino – Catanzaro
Kresios – Giuseppe Iannotti – Telese Terme
Terrazza Bosquet – Luigi Tramontano – Sorrento
La Buca – Grippo Gregorio – Cesenatico
La Zanzara – Bison Sauro – Godigoro
Inkiostro – Franco Madama – Parma
Antonello Colonna Labico – Fabrizio Di Romualdo – Labico
Locanda dell’Angelo – Massimiliano Torterolo – Millesimo
Dac a trá – Stefano Binda – Castello di Brianza
La Présef – Gianni Tarabini – Mantello
I Caffi – Cane Bruna – Acqui Terme
Il Portale – Massimiliano Celeste – Verbania
Angelo Sabatelli – Sabatelli Angelo – Monopoli
Pashà – Cicorella Maria – Conversano
Umami – Felice Sgarra – Andria
Belvedere – Antonello – Santa Margherita di Pula
Castello di Fighine – Antonio Strammiello – San Casciano dei Bagni
Alpes – Egon Heiss – Sarentino
Tilia – Chris Oberhammer – Dobbiaco
L’ Chimpl – Stefano Ghetta – Vigo di Fassa
Dolomieu – Enrico Croatti – Madonna di Campiglio
Maso Frach – Diego Rigotti – Giovo
Petit Royal – Maura Gosio – Courmayeur
Il ridotto – Gianni Bonaccorsi – Venezia
Met – Luca Veritti – Venezia
San Martino – Raffaele Ros – Scorzè
Spinechile Resort – Corrado Fasolato – Schio
Oseleta – Giuseppe D’Aquino – Cavaion Veronese

Passa da due stelle a una
Rossellinis – Ravello

Stelle cancellate
Andreini – Alghero – Cessata attività
La fiaschetteria – Besenzano/Bersano
Osteria del Borgo – Borgosesia – Cessata attività
Delle Antiche Contrade – Cuneo – Cessata attività
Baldin – Genova / Sestri Ponente
La Cassolette – La salle
Meridiana – Piove di Sacco – Cessata attività
Il flauto di Pan – Ravello
Casa Grugno – Taormina – Nuovo orientamento di cucina
Trattoria del Fulmine – Trescore Cremasco