IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 09 Agosto 2021

Quando l’etichetta ed il packaging si fanno interpreti di un linguaggio artistico unico  

Fedrigoni Self-Adhesives: la case history del progetto TramArt di San Marzano Wines

Elevating creativity”, supportare l’arte elevando la creatività: questo è il nuovo claim del gruppo Fedrigoni (fedrigoni.com) che vuole essere un ponte tra il mondo del packaging e l’arte che si incontrano nei progetti promossi dai brand più innovativi. Il mondo delle carte Premium di Fedrigoni Self-Adhesives (commercializzate con il brand ManterTM) e dell’expertise cartaria di Fedrigoni Paper ha trovato questa creatività in un interessante progetto promosso da San Marzano Wines (sanmarzano.wine), che analizzeremo di seguito come case history. 

San Marzano Wines, azienda pugliese che da sempre investe in linguaggi espressivi innovativi sottesi da una costante ricerca estetica, ha chiesto la collaborazione del Gruppo Fedrigoni per realizzare un’edizione molto particolare del vino Tramari, il cui packaging ed etichetta sono stati creati a partire da una tela del pittore statunitense Paul Kremer (paulkremer.info) e realizzati con carte e materiali autoadesivi del Gruppo Veronese. 

Dall’idea di tradurre la tradizione dei viticoltori in uno stile elegante e contemporaneo, nasce TramArt: progetto nato a metà strada tra vino e arte e che ne celebra l’incontro. Il vino Tramari, rosato di Primitivo elegante e lieve, è il portavoce di questo messaggio; colori pastello a rappresentare le bellissime coste della Puglia, tese a raggiungere il mare. 

Per celebrare questo connubio è stato ideato un cofanetto in carta Tintoretto Gesso Touch Class, al suo interno una bottiglia vestita da un’etichetta in carta Picasso X-Dry. Il tutto è accompagnato da una stampa in quadricromia, con nobilitazioni identiche all’etichetta, realizzata in collaborazione alla galleria Studio Cromie (studiocromie.org) su carta Tiepolo di Fabriano. 

Carta e packaging diventano interpreti d’eccezione di un progetto nato tra l’Italia e gli Stati Uniti e resa possibile anche grazie alla sinergia del Made in Italy, di cui il Gruppo Fedrigoni è portavoce.