IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 06 Luglio 2020

Per ridurre la paura? Enfatizzare la sicurezza

Gli scienziati suggeriscono che torneremo ai comportamenti precedenti non appena ci sentiremo sicuri di farlo. Una soluzione? Avere i tavoli nei ristoranti distanziati di 5 metri l'uno per poi poi avvicinarli gradualmente.

di Emanuele Fiorio

Tecnicamente, il Regno Unito è ancora in isolamento, si possono vendere solo cibi e bevande da asporto o consegnare a domicilio, anche se la situazione è destinata a cambiare il 4 luglio, in base all'annuncio del governo britannico del 23 giugno.

Wine Intelligence, tra aprile e maggio 2020, ha esaminato le intenzioni ed i comportamenti immediati e futuri dei bevitori di vino in 12 mercati chiave a livello globale.
L’analisi si è concentrata su come si sentono i consumatori al pensiero di tornare a socializzare, uscire e viaggiare in futuro. Suddividendo i consumatori in base alle loro intenzioni future, sono stati identificati 4 segmenti chiave:

  • Halters: Coloro che prevedono di interrompere tutte le attività sociali in futuro

  • Reducers: Coloro che comprimeranno significativamente il loro stile di vita e la loro vita sociale dopo l'isolamento

  • Moderators: Coloro che prevedono alcuni cambiamenti nella vita sociale dopo l'isolamento

  • Hedonists: Quelli che sono determinati ad aumentare la loro socializzazione dopo la pandemia.

In tutti questi mercati il segmento che domina è quello dei “Moderators” con percentuali che vanno dal 39% del Giappone al 56% del Regno Unito. Solo in Giappone il segmento degli “Hedonists”, pronti a tornare ad una forte vita sociale raggiunge una percentuale di quasi un terzo del totale (30%).

Per capire il nostro intento comportamentale futuro dobbiamo iniziare a porci la domanda: i cambiamenti che abbiamo fatto e le possibilità che avremo in futuro sono stati imposti o scelti?
Per molti di noi, le restrizioni di isolamento rientrano chiaramente nella categoria delle imposizioni. In quanto tali, gli scienziati comportamentali suggeriscono che, essendo creature sociali guidate principalmente da comportamenti istintivi e tribali, torneremo ai comportamenti precedenti non appena ci sentiremo sicuri di farlo. E questa è la chiave, sentirsi sicuri è molto diverso da quello che dicono le linee guida tecniche.
Ed è qui che entra in gioco un altro elemento della scienza comportamentale: la prova sociale. Come creature sociali, siamo fortemente motivati a fare quello che fanno tutti gli altri.

Gli scienziati comportamentali direbbero che l'attenzione dovrebbe essere focalizzata su come farci sentire a nostro agio al ritorno.
Dan Ariely, rinomato autore e professore di psicologia ed economia comportamentale alla Duke University, suggerisce che quando i ristoranti riapriranno, la maggior parte di noi si sentirà nervosa.
La chiave è che gli operatori insegnino ai loro clienti che le cose non sono così pericolose, dato che il livello di preoccupazione sarà più alto del rischio effettivo. Quindi, se la chiave è ridurre la sensazione di paura, il punto di partenza potrebbe essere quello di enfatizzare i livelli di sicurezza.
Una soluzione potrebbe essere inizialmente quella di avere i tavoli nei ristoranti distanziati di 5 metri l'uno dall'altro rispetto all'obbligo di 1 o 2 metri, per poi poi avvicinarli gradualmente man mano che i clienti acquistano fiducia.