IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Mercoledi 02 Novembre 2022

Metaverso, realtà aumentata e AI: nuovi strumenti per lo sviluppo di export ed enoturismo

All’Italian Taste Summit di Milano una tavola rotonda di esperti ha parlato degli strumenti oggi a disposizione per sviluppare l’enoturismo e incentivare le vendite nelle cantine.

di Redazione Wine Meridian

Nel futuro delle aziende del vino potrebbe e dovrebbe esserci sempre più vendita diretta, e le nuove tecnologie possono essere d’aiuto per migliorare l’esperienza del consumatore, rendendola sempre più immersiva e agevolando così la vendita in cantina. Queste ultime potrebbero assestarsi a fine anno a circa 20 miliardi, con un aumento delle vendite dirette di circa il 10% su scala annuale.

E’ una delle conclusioni della tavola rotonda dedicata a “Metaverso: il quotidiano imminente dell'intero scomparto vitivinicolo ed enoturistico del Made in Italy”. L’incontro si è tenuto in questi giorni a Palazzo Serbelloni a Milano, in occasione della sesta edizione di Italian Taste Summit, l’evento che mira a sviluppare occasioni di export attraverso un fitto programma di appuntamenti B2B tra aziende del vino e operatori esteri del trade. A discutere di scenari più o meno futuribili erano stati chiamati alcuni membri del Comitato Tecnico Scientifico di Italian Taste Summit, come il prof.Vincenzo Russo (Neuromarketing - IULM), il prof. Guido Di Fraia (responsabile del laboratorio di innovazione e Intelligenza Artificiale all’Università di Milano), il prof. Davide Gaeta (docente di economia presso l’Università di Verona), l’avv. Saverio Biscaldi esperto in diritto agrario e vitivinicolo e Carlo Pietrasanta, presidente del Movimento del Turismo del Vino della  Lombardia. “Molti parlano e scrivono del metaverso come fosse qualcosa di astratto, lontano da noi, ma non è così - ha esordito Joanna Mirò, presidente di Italian Taste Summit e e ad di Global Wine Aspect - E’ già qui, perchè grazie alla tecnologia possiamo entrare nella realtà che vogliamo, quindi anche in quella delle cantine che sogniamo di visitare”.

“Qualsiasi esperienza immersiva é molto potente da un punto di vista comunicativo - ha confermato il prof. Russo, esperto di neuromarketing e neuroselling - La comunicazione del vino é ancora molto autoreferenziale. QR code, realtà virtuali sono tutti strumenti che hanno potenzialità infinite, ma vanno usate con intelligenza  e senza esagerare”. Negli ultimi due anni post-Covid il mondo del vino italiano ha fatturato 14 miliardi di euro, metà dei quali realizzati in Italia, “e di questi una quota rilevante viene dalla vendita in cantina - ha spiegato il prof. Gaeta - E’  un canale in vorticosa crescita, un business straordinario che permette alle aziende di avere più margine. Per questo dobbiamo spingere sempre di più in questa direzione”. 

Pensare al metaverso come ad uno strumento di sviluppo dell’enoturismo però è ancora prematuro, ha ammonito il prof. Di Fraia: “E’ una tecnologia che ci porterà dei risultati affascinanti nei prossimi anni, ma che adesso è ancora ai suoi albori. Viceversa, oggi abbiamo a disposizione tecnologie più accessibili ma ancora poco sfruttate come la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale. Quest’ultima nel mondo della vendita e del turismo del vino può aiutare a generare i contenuti più efficaci al momento giusto, in quello della produzione a ottimizzare processi e ad abbattere costi e in quello delle vendite ad aumentare i fatturati".

Molte delle tecnologie più avanzate sono già presenti nel mondo del vino, ma non sempre sono alla portata di tutti: “I costi di certi nuovi strumenti sono elevati, le aziende che possono permetterseli sono poche - ha commentato Carlo Pietrasanta - Ma ciò che pesa nell’enoturismo è soprattutto l’inesperienza delle persone. Servono professionisti dell’accoglienza, e se una piccola cantina non se ne può permettere uno, deve far squadra con altre”.

Strumenti a parte, oggi il futuro del comparto vitivinicolo passa anche da una formazione mirata; per questo nell’ultima edizione di Italian Taste Summit si sono svolti numerosi workshop specifici su temi attuali, che hanno visto la partecipazione di aziende come Tenute Pieralisi, Cascina Chicco, Castello di Montepo’ Biondi Santi, Eleva, Ronco Margherita, Codice Vino, Gruppo Citra/Masciarelli insieme a quelle di zone di gran moda come Etna e Champagne, per concludere con Erc Sun Spirits che ha presentato una selezione di alta gamma dei ron cubani.