IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Mercoledi 25 Agosto 2021

La psicologia della condivisione: seconda parte

Portare contenuti di valore, autodefinirsi, migliorare le relazioni, spargere la voce su cause o brand: tutte le motivazioni che portano le persona a condividere online.

di Agnese Ceschi

Quali sono le motivazioni che portano le persone a condividere? Nell’era dell’informazione condividere è diventato un processo ormai automatico: condividiamo più contenuti, da più fonti, con più persone, più spesso e molto più velocemente rispetto al passato. 

Ce lo ha raccontato il The New York Times in un’interessante indagine dal titolo “The Psychology of Sharing”, dove vengono indagate oltre alle tipologie di persone che condividono (di cui abbiamo parlato in un precedente articolo) anche le ragioni per cui queste sono portate a fare ciò.  

Vediamo assieme alcune delle motivazioni più comuni emerse dall’indagine. 

Le persone condividono per portare contenuti di valore e divertenti agli altri. Il 94% degli intervistati infatti considera importante che le informazioni che condivide siano utili al destinatario.

Un’altra importante motivazione che spinge a condividere è per definirci nei confronti degli altri. Il 68% degli intervistati dal NYT condivide per dare alle persone un'idea migliore di chi sono e di cosa li interessa. 

La crescita ed il miglioramento delle relazioni è un altro importante driver. Il 78% degli intervistati condivide informazioni online perché consente loro di rimanere in contatto con persone con cui altrimenti non potrebbero rimanere in contatto e perché li aiuta a connettersi con altri che condividono i loro interessi. 

Condividere informazioni permette alle persone di sentirsi più coinvolti nel mondo. “Mi piace ricevere commenti sul fatto che ho inviato ottime informazioni e che i miei amici le inoltreranno ai loro amici perché sono utili. Mi fa sentire importante” ha dichiarato un partecipante all’indagine. 

Infine le persone condividono per spargere la voce su cause o marchi. L’84% degli intervistati ha dichiarato di condividere perché è un modo per supportare cause o problemi a cui tiene.

Per comprendere come agire nel modo migliore per sfruttare a proprio vantaggio e del proprio brand le motivazione sopradescritte, il NYT ha definito una serie di consigli

1 Fai appello alla motivazione dei consumatori a connettersi tra loro, non solo con il tuo brand. 

2 La fiducia è il biglietto di ingresso per essere condivisi.

3 Rendilo semplice e verrà condiviso. E soprattutto non verrà confuso.

4 Fai appello al loro senso dell’umore.

5 Abbraccia un senso di urgenza.

6 Condividere i tuoi contenuti è solo l’inizio.

7 Le e-mail sono ancora il mezzo numero 1.