IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Martedi 01 Dicembre 2020

La formazione nel mondo del vino sempre più strategica

Ian Harris, ceo di Wset, ha illustrato i cambiamenti che stanno avvenendo nella wine education a livello mondiale.

di Redazione Wine Meridian

Molto interessante la sessione digitale di wine2wine, dal titolo “What’s next for wine education”, che ha visto come protagonista Ian Harris, ceo del Wine & spirits education trust (Wset), oggi probabilmente la più importante istituzione nell’ambito della cosiddetta wine education.

Il Wine&spirits education trust, fondato nel 1969, è diventato nel tempo un osservatorio molto importante anche per capire gli attuali fabbisogni formativi nel settore vino. Ian Harris, pertanto, ha spiegato quali sono le nuove tendenze ed i valori aggiunti che si ottengono grazie ad un percorso di studio.

Il Wset copre con i suoi corsi quasi tutti i Paesi del mondo ed ultimamente si è assistito ad un incremento di richieste specialmente di chi non opera nel settore vitivinicolo.  “Tutto il mondo vuole conoscere di più sul vino, non solo i Paesi produttori”, ha sottolineato Ian Harris. Prima fra tutti, impegnata maggiormente nei percorsi di formazioni è la Cina, con una quota del 24%, seguita dagli Stati Uniti e dall’Australia. 

Per far fronte alla situazione pandemica, inoltre, il Wset dopo un primo periodo di stallo, ha cercato di implementare un’offerta formativa online con relativo esame, sempre sostenuto in modalità a distanza.

Oltre al Wset, sono tantissimi gli altri siti ed organizzazioni che offrono corsi per approfondire questo settore, molti dei quali gratuiti, i quali però non offrono una qualifica. Quest’aspetto è però relativo, in quanto, l’istruzione apporta comunque maggior valore all’industria in generale.

Attualmente, infatti, si assiste ad una svalutazione del mercato produttivo vitivinicolo, in quanto l’offerta supera la domanda e tanti venditori sono costretti ad applicare sconti o vendite promozionali per coprire almeno i costi. Pertanto, seguire un percorso di training, risulta un investimento che apporterà dei benefici in materia di fidelizzazione del cliente, in quanto il consumatore odierno è sempre più attento e disposto a imparare.

La wine education, infatti, rappresenta per l’hospitality un ruolo chiave, in quanto si è riscontrato che un cliente è disposto a spendere circa il 25% in più se chi sta dietro al bancone ha la capacità consigliare, abbinare e trasmettere le proprie conoscenze. 

Lo sanno bene i ristoratori, i camerieri o chiunque lavori in questo settore; avere una preparazione e saper comunicare la propria lista vini o cocktail, è fondamentale per creare un giusto rapporto di fiducia con il cliente.

Possiamo quindi affermare che, il settore della formazione inerente al vino, si è col tempo discostata dalla percezione “di nicchia” che poteva avere in passato; ora sempre più persone, a partire dagli stessi consumatori, sentono la necessità di ampliare le conoscenze in merito all’ampia offerta vinicola.