IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Venerdi 21 Gennaio 2022

La carta dei vini, per favore

Come si costruisce una wine list di successo? Quali sono i criteri imprescindibili? Il sondaggio di The Drinks Business svela almeno due elementi fondamentali.

di Giovanna Romeo

Indipendentemente da dove abbiamo deciso di pranzare o cenare, che sia una trattoria, un ristorante fine dining o un wine bar, la prima domanda, subito dopo esserci accomodati, è sempre la stessa: “Mi porta la carta dei vini?

Perché è importante averla e soprattutto averla ben fatta?
Una buona wine list, oltre ad essere un chiaro segnale di cultura e tradizione e, un elemento chiave per la valorizzazione della nostra enogastronomia, è un alleato del profitto, che richiede formazione ed esperienza.

Come si costruisce una carta di successo?
Da un sondaggio effettuato da The Drinks Business, dopo aver mappato i migliori ristoranti londinesi e aver preso in considerazione consumatori e specifiche figure del settore, emergono due fattori chiave:

  • il 48% degli intervistati ritiene fondamentale che in una carta dei vini di valore siano presenti tutte le regioni vinicole
  • che i vini siano accuratamente abbinati alla proposta gastronomica.

 

Il 29% considera il prezzo un elemento fondamentale, mentre il 15% desidera trovare una proposta che includa nuovi produttori e nuove cantine. Infine, una piccola parte degli intervistati, la ritiene eccellente quando c’è perfetta aderenza con la proposta gastronomica e variabilità del menù.

Gli ulteriori fattori in grado di far volare una wine list sono:

  • l’esperienza e la capacità di degustazione del sommelier, che deve saper mettere da parte il gusto personale dando sempre più spazio alla ricerca e al piacere del cliente oltre alla conoscenza delle etichette – è fondamentale prima assaggiare con tutto lo staff e solo dopo consigliare;
  • l’intelligenza nel sviluppare la propria proposta enologica, valorizzando la filosofia del cuoco e il suo indirizzo gastronomico;
  • il sapersi rinnovare con stagionalità includendo una wine list fissa e una dinamica con proposte al calice e delle novità – il feedback del cliente in questo caso saprà indirizzare anche la validità delle proprie scelte;
  • l’abilità nell’individuare il proprio target tenendo presente l’ubicazione del ristorante, il quartiere, la città.

 

Non serve strafare. Saper incuriosire, offrendo competenza e armonia, esplorando l’ampio mondo enologico a disposizione, prendendo in considerazione anche qualche vecchia annata e soprattutto saperla redigere correttamente - vitigno, denominazione, provenienza, produttore e annata – sono sicuramente un ottimo punto di partenza.