IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Sabato 08 Febbraio 2020

Italian wines in the world: Pinot Grigio Ramato di Colmello di Grotta

Abbiamo degustato per voi il Pinot Grigio Ramato di Colmello di Grotta

Pinot Grigio Ramato DOP Collio 2018

Colore: Ramato
Anno di produzione: 2018
Prezzo: 12,50 euro
Produzione annua: 1200 bottiglie
Denominazione: DOP
Affinamento: 12 mesi anfora e acciaio
Uvaggio: 100% Pinot Grigio

Friuli Venezia Giulia è sinonimo di regione nella quale è possibile trovare habitat così complessi e diversi tra loro da renderla unica nel panorama nazionale.
Abbracciata dalle Alpi e massaggiata dai venti, fa pensare ad un crocevia di culture senza tempo, storie di confine e di contaminazioni culturali, anche enologiche.
La cantina è composta da 21 ettari totali, dei quali 15 di vigneto, ma con una diversità di terreni davvero unici per composizione minerale. Qui nasce il vino friulano più conosciuto al mondo, il Pinot Grigio, e quello proposto da Colmello di Grotta ha caratteristiche di ottima complessità, quasi potente in espressività ed avvolgenza, con un apporto floreale al naso di zagara, glicine bianco e note di margherita, che evolve poi con note di albicocca, melone bianco che arrivano alla crema pasticcera. Un Pinot Grigio "croccante", fresco ed avvolgente, con una interessante corrispondenza aromatica dove arriva la pera williams e la frutta tropicale. Finale persistente con retrogusto agrumato, questo Pinot Grigio arricchisce da solo un aperitivo tra amici anche se è a tavola che il suo essere protagonista anima portate di pesce della vicina laguna adriatica con verdure alla griglia creando un contrasto che il Pinot Grigio riuscirà a sfumare con le sue piacevoli armonie.

Company Profile
Colmello di Grotta nasce nel 1965 a Farra d’Isonzo (GO) come cantina di produzione di vini di eccellenza del Hotel Bauer di Venezia, storico simbolo dell’ospitalità di lusso in Laguna. L’Azienda viene gestita "in rosa" da tre generazioni, a partire dalla fondatrice Luciana Bennati, per passare poi alla figlia Francesca Bortolotto ora coadiuvata dalla di lei figlia Olimpia Possati. L’Azienda si estende su 21 ettari circa in corpo unico, dei quali circa 15 vitati prevalentemente a vitigni a bacca bianca e grigia, in minor parte a bacca rossa, per una produzione media annua di circa 60mila bottiglie. Caratteristica unica dell’Azienda è di essere attraversata dal confine che separa la DOP Collio dalla DOP Isonzo del Friuli; non si tratta di una distinzione meramente amministrativa, infatti i terreni del Collio, marnosi e drenanti, sono completamente diversi da quelli alluvionali dell’Isonzo, più compatti. I vini che nascono in azienda sono pertanto contraddistinti da personalità molto diverse, ma contraddistinte da denominatori comuni che tracciano la filosofia produttiva in modo inequivocabile: massima attenzione alla qualità nel pieno rispetto dell’ambiente. L’Azienda è ora in fase di conversione per certificare la produzione come "biologica", ma già lavoriamo in modo ben più radicale nel totale rispetto dei terreni, delle vigne e del territorio che ci ospita. I nostri vini sono contraddistinti da spiccate mineralità e freschezza, caratteristiche che cerchiamo di tutelare e valorizzare al massimo senza sottoporre ad alcun tipo di affinamento in legno i nostri bianchi, privilegiando anfore tecniche in ceramica microporosa di ultima generazione: i nostri vini non devono sapere di legno, ma di bacche e fiori freschi e vivaci. L’energia elettrica utilizzata in azienda deriva esclusivamente da fonti rinnovabili.

Colmello di Grotta
Via Gorizia, 133 Farra d’Isonzo,
GO 34072 IT
info@colmello.it
www.colmello.it