IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Venerdi 06 Maggio 2022

Il mercato baltico del vino a Vyno Dienos: grande curiosità per i vini italiani

Al via la sedicesima edizione di Vyno Dienos, la fiera vinicola più importante del mercato baltico, sempre più curioso nei confronti del vino italiano.

di Roxana Zeca

Si è aperta il 6 maggio la sedicesima edizione di Vyno Dienos, la fiera più grande ed importante del mercato baltico Wine&Spirits che dal 2005 mette in relazione produttori vinicoli sia locali che europei, con il vivace e sempre più in crescita mercato del vino lituano.

80 gli espositori presenti da tutto il mondo, con presenza principale di cantine italiane, francesi e ungheresi e circa 4.000 visitatori aspettati.

Un’esibizione che presenta l’opportunità di entrare in relazione con gli operatori B2B locali, distributori e stampa. Sul fronte italiano, Wine Meridian è presente con la sua collettiva che ha voluto rappresentare la diversità dei vini italiani da nord a sud.

La fiera ha avuto inizio con il Brindisi di una referenza Ucraina, come segno di solidarietà voluto da Rasa Starkus, proprietaria di Vyno Kubas, azienda organizzatrice dell’evento.

“Ringraziamo le aziende presenti ed i visitatori per la fiducia” riferisce Rasa, “è importante in un periodo come questo, dopo la pandemia e la guerra attualmente in atto, dare un segno di speranza e di ripartenza”.

“Siamo contenti di avere così tanta rappresentanza internazionale: abbiamo aziende vinicole da Francia, Spagna, Italia, Ungheria e da tanti altri Paesi europei, oltre che alla Lituania” dichiara la Chief Organizator Ernesta Bilinskaite. “Le prime ore della giornata sono prettamente dedicate al B2B ed a stringere rapporti di business. I buyer presenti in fiera stanno girando per scoprire nuove referenze e particolarità. È un momento di auspicio per riprendere le normali attività dopo due anni di stop”.

È dello stesso parere anche il distributore Amber Lithuania, uno tra i più importanti del Paese: “È un’occasione unica, dopo la pandemia e la guerra in atto, avere la possibilità di rivedere produttori, distributori e clienti e scoprire nuovi vini”.

Sul fronte italiano abbiamo intercettato Francesco di Marco, sommelier ed esperto di marketing che da vent’anni vive e lavora in Lituania presidiando il mercato tramite un’enoteca proprio in centro alla capitale Vilnius. “Queste prime ore di fiera, la più importante sul mercato baltico,  sono dedicate ai professionisti del settore, personalmente non mi aspettavo di vedere già così tanta affluenza. La cosa più importante è stata tornare, dopo due anni di chiusura, a ritrovare una bellissima empatia e sinergia da parte di tutti i colleghi che lavorano nel settore”.

La fiera, inoltre, rappresenta un’opportunità incredibile per i rappresentanti italiani che possono intercettare wine-lovers ed appassionati che, sempre più curiosi di scoprire nuove referenze, svolgono un ruolo fondamentale nell’indirizzare gli acquisti del settore horeca locale.

“La nostra filosofia è quella di proporre al mercato lituano vini italiani di qualità rappresentativi dell’eccellenza italiana ed allo stesso tempo accessibili ai consumatori” -  ci condivide Salvatore Tagliata di Italiskas, azienda importatrice di vino italiano in Lituania - “essere qui a Vyno Dienos è importante per presentare la diversità dei vini italiani ed è parte integrante del pubblicizzare l’economia del nostro Paese”.