IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Giovedi 08 Aprile 2021

Hong Kong: pandemia, 35% dei bar chiusi

Dopo 6 mesi di stop, circa il 35% dei bar della città ha chiuso i battenti e non si intravede ancora la luce in fondo al tunnel.

di Emanuele Fiorio

Secondo quanto riportato da Vino Joy News, il più noto imprenditore della vita notturna di Hong Kong e presidente del Lan Kwai Fong Group, Allan Zeman, ha rivelato che circa il 35% dei bar della città hanno chiuso i battenti a causa della pandemia e del prolungato divieto del governo di operare.

Molti dipendenti sono stati licenziati perché i proprietari dei bar sono rimasti senza fondi.

"Sono stati chiusi da novembre 2020. Questa situazione va avanti da sei mesi", ha dichiarato Zeman a RTHK. "Nessun business che conosco può sopravvivere senza avere clienti per così tanto tempo, specialmente senza alcuna sovvenzione".

Da novembre 2020, il governo ha ordinato a bar, discoteche e karaoke di chiudere, vietando anche gli spettacoli di musica dal vivo.
Il governo di Hong Kong a fine marzo 2021 ha annunciato che da aprile avrebbe allentato le restrizioni e l’allontanamento sociale, con l'apertura di spiagge, piscine e l'espansione della capacità dei cinema ma non ha preso in considerazione i bar.

Secondo la Hong Kong Bar and Club Association, circa 140 aziende hanno chiuso i battenti l'anno scorso, e altri 70 bar dopo il Capodanno cinese di quest'anno.

I bar con licenza di ristorante sono in grado di riaprire in quanto il governo ha allentato le restrizioni sulla ristorazione. Tuttavia, molti a causa di sovvenzioni molto esigue e del divieto prolungato di operare, sono sul punto di chiudere definitivamente.