IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Giovedi 15 Ottobre 2015

Germania, secondo mercato di sbocco per il comparto vinicolo italiano dopo gli USA

Gli esigenti consumatori tedeschi cercano sempre di più vini di qualità, soprattutto bio. Grandi potenziali di crescita per le aziende italiane nel Paese che registra un consumo pro capite annuo di 25,5 litri.

di Redazione Wine Meridian

In Germania è amore per il vino italiano. Il vino, dopo la birra, è infatti la bevanda preferita dei tedeschi, e la bella notizia per i produttori del Belpaese è che quello italiano è al primo posto, precedendo Francia e Spagna, con volumi di vendita interessanti.
Benché nel 2014 ci sia stato un lieve calo, la Germania si colloca tra i primi mercati mondiali per il vino con 15,1 milioni di ettolitri e un valore complessivo di 2,5 milioni di euro (dati Winemonitor). In questo scenario l’Italia si conferma il principale importatore per questo Paese che continua a essere il secondo mercato di sbocco – dopo gli Stati Uniti - per il prodotto vitivinicolo made in Italy.

Alla luce di queste preliminari considerazioni, esportare vino in Germania diventa, per molte aziende italiane, fondamentale. Non resta che affrontare il mercato con una buona dose di cautela. Un mercato enorme come quello tedesco, che non ha quasi per nulla risentito della crisi economica, non deve essere affrontato con leggerezza, ma con strategia.
Vediamo assieme alcuni dati preliminari sul mercato.

La Germania è un mercato dove il consumo pro-capite ha raggiunto 25,5 L/anno, per un totale di 20,4 milioni di ettolitri di vino e dove è in aumento la richiesta di vini di qualità con conseguente aumento del prezzo medio di acquisto. I consumatori tedeschi cercano sempre di più vini di alta qualità, possibilmente bio. Secondo una ricerca Wine Monitor, nei prossimi anni assisteremo ad un processo di premiumization e dunque ad un trend di preferenza di vini di fascia più alta e ad un aumento del prezzo medio.
Berlino, la città più popolosa della Germania con i suoi 3.392.000 di abitanti, rappresenta da sempre uno dei più importanti sbocchi di destinazione per l’export vitivinicolo italiano e attualmente il 20% delle vendite all’estero di vini made in Italy si indirizza verso questo mercato.

Proprio a Berlino, la capitale tedesca, farà tappa l’ultima tappa del tour 2015 di "International Wine Traders", il format-evento internazionale interamente pensato e dedicato al mondo del vino ideato e organizzato da Iron3 il 9 novembre all’Hotel Adlon Kempinski di Berlino. Le aziende vinicole incontreranno operatori locali come importatori e distributori, giornalisti, grossisti, dettaglianti (dettaglio specializzato, singolo e organizzato), ristoratori, albergatori ed enotecari.

Per maggiori informazioni:
info@internationalwinetraders.it
www.internationalwinetraders.com