IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Giovedi 25 Febbraio 2021

Direct to consumer: WineJump accorcia le distanze tra produttore e consumatore

La start up danese scala le classifiche degli e-commerce offrendo un servizio completo in 7 Paesi Europei con altri in arrivo. Ad oggi già 1200 cantine hanno aderito.

Un “salto” nel vino. Non è mai stato così facile per i consumatori acquistare vino direttamente dalle cantine di tutta Europa. Questo è ciò che offre WineJump. Il nuovo portale di vendita di vino che segue il modello di Airbnb ma applicato al mondo del vino. Per scoprire come funziona, abbiamo intervistato il danese Thomas Winther, fondatore e CEO di WineJump. Thomas, dopo un passato professionale per il governo danese e per l'Unione europea, si è cimentato nella prima consulenza per l'innovazione. Successivamente si è avventurato nel vino, prima come importatore e rivenditore di vini pregiati sudafricani. Ora vive nella Silicon Valley, in California ed insieme al co-fondatore tedesco Marco Angermeier ha creato WineJump. WineJump è una grande opportunità sia per i produttori che per i consumatori. Attraverso WineJump i produttori di vino hanno accesso diretto ai clienti e viceversa, i consumatori hanno accesso diretto a grandi vini, per lo più piccoli volumi, che non trovano nei negozi locali.

Quando e come è nato WineJump?

WineJump è stato fondato nel 2019 e lanciato un anno fa il 2 marzo 2020. Per le cantine il modello è simile a quello di Airbnb: la cantina si registra, si presenta, elenca i vini e per ogni bottiglia venduta paga una tariffa fissa di € 1. In cambio WineJump offre alle aziende vinicole un sistema completamente automatizzato per i pagamenti, la spedizione, la dogana e la conformità IVA. WineJump è nato con l’idea di rendere libero il commercio del vino, a vantaggio sia dei produttori di vino che degli amanti del vino.

Con quanti Paesi lavorate?

Attualmente vendono su WineJump cantine situate in Italia, Francia, Germania e Spagna. Più di 1200 cantine sono già attive su WineJump: quasi la metà di loro sono cantine italiane. In questo primo anno WineJump è accessibile a consumatori di 7 Paesi europei: Italia, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Olanda e Spagna. Nella primavera del 2021 apriremo WineJump anche ai consumatori in Svezia e Austria.

Come funziona concretamente WineJump?

Forniamo la nostra piattaforma gratuitamente. Ogni azienda vinicola crea la propria finestra sull'Europa. Decide da sola se vuole vendere in tutti o alcuni dei nostri mercati di consumo. Il nostro sistema di conformità unico nel suo genere ci consente di gestire le procedure di spedizione e doganali, dalla porta della cantina alla porta di casa dei consumatori. Lavoriamo con UPS come corriere. Come parte del nostro sistema di conformità, WineJump gestisce i pagamenti dell'IVA e delle accise applicabili in tutti i mercati. Questo servizio completo lo offriamo alle cantine con una commissione di 1 euro per bottiglia venduta. I consumatori non pagano per fare acquisti su WineJump e WineJump non aggiunge ricarichi oltre ai costi effettivi di spedizione, accise e IVA.

La nostra tecnologia è molto intuitiva, quindi è facile per le aziende vinicole iniziare a vendere su WineJump. Inoltre il nostro team, incluso il nostro team in Italia, supporta le aziende vinicole con informazioni aggiuntive come: tutorial di registrazione, consigli sui prezzi, consigli di marketing per aumentare le vendite, gestione degli ordini, ecc.

Quali vantaggi concreti hanno le cantine utilizzando WineJump?

Prima di tutto le aziende vinicole hanno accesso a milioni di consumatori in tutta Europa a cui prima non potevano accedere. Perché? Perché senza WineJump l'unico modo in cui un'azienda vinicola può vendere a consumatori privati ​​in un altro Paese è vendere prima a intermediari, che poi rivendono i vini ai consumatori. Per molte aziende vinicole è molto faticoso trovare buoni importatori e distributori con cui lavorare. Con WineJump le cantine non hanno più bisogno di intermediari per raggiungere i consumatori. Inoltre, quando si vende senza il costo e i margini degli intermediari, si possono migliorare i propri margini, pur offrendo ai consumatori ottimi vini a un prezzo inferiore.

WineJump offre anche una nuova opportunità per presentarsi come azienda vinicola. Raccontare le storie uniche delle grandi persone e della terra dietro i grandi vini. Incoraggiamo le aziende vinicole a sfruttare questa opportunità per dire ai consumatori cosa li rende speciali e unici, a parole, per trasmettere l'esperienza analogica della cantina che conosciamo, ma ora in forma digitale.

La gestione degli ordini è semplice: sugli ordini la cantina riceve una mail. Stampano l'ordine e i documenti di trasporto. Imballano la scatola dei vini. Ordinano il ritiro UPS con un clic. Le cantine vengono pagate entro 7 giorni. È molto semplice e senza preoccupazioni.

Qual è la vostra filosofia?

Vogliamo veramente rendere più semplice e libero il commercio del vino. Il nostro approccio è sempre democratico. Non abbiamo mai messo una cantina sopra le altre. Ad esempio, non accettiamo annunci a pagamento perché tutte le cantine sono importanti per noi.

Alcune aziende vinicole ottengono maggiore visibilità su WineJump. Questo perché queste cantine stanno promuovendo molto attivamente la loro vetrina WineJump verso i consumatori. Ovviamente lo incoraggiamo. È così che costruisci la community. Ma ancora una volta, l'offerta è disponibile per tutte le cantine. Quindi supportiamo, ad esempio, campagne di cross-marketing sui social media.

Quali strategie di marketing suggerite alle cantine?

Ci concentriamo sull'attrazione di consumatori nuovi e fedeli alla comunità di WineJump. Dalla nostra parte lavoriamo duramente, ad es. scansione dei motori di ricerca, social media, media e sensibilizzazione degli influencer, ecc. E lo facciamo in tutti i nostri mercati di consumo. Ma ancora una volta, è molto importante per noi affrontare il marketing insieme alle aziende vinicole.

Ciò include ad esempio sforzi per sviluppare sforzi semplici, ma efficaci, per convertire una più ampia consapevolezza dei consumatori su WineJump in vendite in cantina e per le aziende vinicole a vendere ripetutamente agli stessi consumatori. Ci avviciniamo al marketing in modo basato sui dati: conoscenza, apprendimento, iterazione, aggiunta. Condividiamo queste informazioni con le aziende vinicole. Presto, ad esempio, forniremo alle aziende vinicole un "kit di social media marketing", in cui raccogliamo tutte le lezioni apprese finora per ispirare le aziende vinicole nei loro sforzi di marketing online.

Allo stesso modo, stiamo sviluppando "Kit di marketing per sale di degustazione" per ispirare le aziende vinicole su come convertire le vendite di persona in vendite online su WineJump. 

Sappiamo che il COVID sarà presto dietro le nostre spalle e gli amanti del vino festeggeranno questo più di molti, ne sono sicuro! C'è un modo migliore per incontrare nuovi clienti fedeli? Con WineJump ora le cantine sono aperte in tutta Europa, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 356 giorni all'anno.

 

winejump.com