IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 21 Novembre 2022

Come comunicare il vino nei Paesi germanofoni?

Per comunicare in modo efficace il vino nei paesi di lingua tedesca è indispensabile conoscere le peculiarità di ogni Paese ed identificare i media più adatti.

di Veronica Zin

Come comunicare il vino nella regione DACH – Deutschland, Austria e Confœderatio Helvetica (Switzerland)? 
Dorli Muhr, fondatrice di Wine+Partners, ha affrontato questa tematica partendo dal ragionevole presupposto secondo cui, anche se una lingua è diffusa e condivisa in più Paesi, ciò non significa che questi Stati siano simili anche su altri aspetti, in questo caso le strategie connesse alla comunicazione del vino. 

Basti pensare per esempio ai paesi di lingua inglese: un’azienda vitivinicola che vuole essere presente nel mercato inglese dovrà adottare delle strategie comunicative diverse da quelle che utilizzerà per gli Stati Uniti o l’Australia. 

Allo stesso modo, i paesi di lingua tedesca possiedono caratteristiche diverse nel settore vino. Perciò, per essere competitivi sul mercato dei paesi DACH, anche a livello comunicativo, è necessario adattarsi e conoscere approfonditamente le peculiarità dei vari Stati. 

L’approccio deve essere diverso a seconda del Paese specifico. Infatti, sottolinea Muhr, “Tra le differenze riscontrate c’è il consumo di vino annuo pro-capite, ma anche la disponibilità di acquisto: in Germania si spendono poco più di 2€ per una bottiglia di vino, in Austria, invece, si acquistano bottiglie di vino che vanno dai 6€, mentre in Svizzera la spesa media si aggira intorno ai 10€ per bottiglia, quindi ben 4 volte di più rispetto alla Germania”.

Partiamo dalla carta stampata: le testate dedicate al vino nella Regione DACH si dividono in due categorie – specifica Muhr: media specializzati, che creano maggiore engagement, e media generalisti. 

Muhr ha fornito una panoramica dei principali magazine di successo in lingua tedesca, suddivisi per categoria e Stato: 

Germania

Specializzati: 

  • Essen & Trinken
  • Der Feinschmecker 
  • Meiningers Weinwelt 


Generalisti: 

  • Zelt
  • Welt am Sonntag 
  • Süddeutsche Zeitung


Austria

Specializzati: 

  • Falstaff
  • A la carte
  • Vinum


​​​​​​​Generalisti: 

  • Kurier
  • Stadard
  • Presse


Svizzera

Specializzati: 

  • Falstaff 
  • Vinum
  • Marmite


​​​​​​​Generalisti: 

  • Der Tages-Anzeiger
  • Der Blick
  • NZZ


Anche la televisione rientra nella categoria dei mezzi di comunicazione: come mai non viene menzionata? Muhr spiega che in Germania non ci sono programmi televisivi concentrati solo ed esclusivamente sul vino, mentre alla radio ci sono piccoli programmi regionali dedicati. 

I podcast stanno iniziando a muovere i primi passi e sono promettenti secondo Muhr: “Sono un formato giovane e non ancora ben sviluppato nelle regioni DACH, ma ci sono alcuni podcast molto interessati e pensati per un target specifico come Weinstein, Terroir & Adiletten, Auf Ein Glas Mit e Cheers!”.

Per quanto riguarda i social media, Muhr chiarisce una differenza sostanziale tra opinion leader – “Un individuo che ha esperienza e autorità in un determinato settore e la fiducia del suo pubblico” – e influencer – “Una persona che viene pagata da un'azienda per mostrare e descrivere i suoi prodotti e servizi sui social media, incoraggiando altre persone ad acquistarli”. 
Nella categoria degli influencer si possono individuare i "wine influencer" e i "lifestyle influencer". I "wine influencer" hanno una conoscenza specifica del vino ed un pubblico più piccolo ma più specifico, i "lifestyle influencer" non hanno una conoscenza specifica del vino ed hanno un pubblico più ampio, meno specifico.