IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Giovedi 28 Novembre 2013

Perché la British Columbia deve adottare una "flat tax"

Ora utilizza il monopolio governativo, il "Liquor Distribution Branch"

di Roberto Nicolli

La fase di consultazione per la revisione della politica dei prezzi dei liquori da parte del Governo della British Columbia si e’ conclusa alla fine di Ottobre. La fase iniziale ha attirato una quantità impressionante di risposte tra cui molte idee come la vendita di vino nei mercati degli agricoltori, la vendita nei supermercati e un unico sistema di licenze per ristoranti e bar.
Alcune proposte saranno più facili da analizzare e trattare rispetto ad altre. Una questione particolarmente problematica è la natura del sistema attuale di distribuzione di liquori e tassazione nella British Columbia, il che rende difficile l'attuazione di molti cambiamenti a livello di vendita al dettaglio.

La British Columbia utilizza il monopolio governativo, il "Liquor Distribution Branch", per la fornitura dei prodotti ed il controllo dei prezzi a tutte le imprese di vendita al dettaglio (compresi i negozi di liquori governativi, negozi privati, ristoranti, hotel, bar).
I prezzi sono controllati mediante l'applicazione di elevati livelli di "liquor board markup" su tutti i prodotti all’ingrosso (117% per il vino, 163% per gli alcolici) e dalle restrizioni sui prezzi all'ingrosso a cui tutti i concessionari privati (vale a dire tutti I concorrenti dei negozi governativi) hanno accesso.
Il "Liquor board markup" genera circa 1,2 miliardi di dollari canadesi all'anno. Il Liquor Distribution Branch poi detrae i costi operativi annuali (circa 300 milioni di dollari canadesi) dal profitto totale e presenta il bilancio (circa 900 milioni di dollari canadesi) al Governo della British Columbia come il suo annuale "liquor markup revenue", che è essenzialmente una tassa nascosta.
Inoltre, il Liquor Distribution Branch stabilisce i prezzi all'ingrosso per i rivenditori privati, consentendo piccoli sconti sul prezzo di vendita al dettaglio in un negozio governativo. La maggior parte dei negozi privati ricevono il 16% di sconto sul prezzo al dettaglio dai negozi governativi, ma ristoranti, hotel, bar non hanno nessun sconto. Il Liquor Distribution Branch e’ l’unica entita’ di business in British Columbia che puo’ acquistare alcolici al reale prezzo all’ingrosso nonostante il 60% di liquori viene venduto dal settore privato.
Questo non è certo un sistema equo: non c’e’ una sana concorrenza a livello di vendita al dettaglio.

Le conseguenze del suddetto sistema sono che:

a) i prezzi al consumo finali sono molto elevati per tutti i prodotti vitivinicoli e liquori;

b) i prezzi nei ristoranti, alberghi e bar sono ancora più alti perché non possono acquistare ad un normale prezzo all'ingrosso.

A meno che il suddetto sistema venga cambiato, e’ improbabile che i consumatori possono godere di eventuali benefici a livello di dettaglio quali, per esempio, il miglioramento dei prezzi o l’incremento di selezione. Un modo intelligente per iniziare la riforma sarebbe quello di sostituire l'attuale sistema con uno più semplice (aliquota unica su tutti i liquori a livello di commercio all'ingrosso).
Un sistema di "flat tax" è stato utilizzato con successo per la birra in British Columbia per molti anni e viene attualmente utilizzato su tutti i prodotti in Alberta (in Alberta la flat tax su una bottiglia da 750 ml di vino è di $ 2.59).

Ecco cinque ragioni per cui la "flat tax" è migliore dell’attuale sistema della British Columbia:

1. Flusso più prevedibile delle entrate del governo: un sistema di "flat tax" genera entrate pubbliche applicando imposte su tutte le vendite all'ingrosso. Ciò fornisce un flusso di entrate più consistente perché i costi operativi del Liquor Distribution Branch sono esclusi dall'equazione delle entrate.

2. Un normale prezzo all'ingrosso per tutti i ristoranti, bar e negozi privati. Ristoranti, hotel e bar (attualmente il prezzo all'ingrosso e’ a loro negato), potrebbero acquistare all'ingrosso.

3. I prezzi per i consumatori: il sistema attuale impedisce la normale concorrenza a livello di vendita al dettaglio e gonfia ciò che i consumatori pagano per tutte le categorie di prezzo. La "flat tax" farebbe ripristinare la concorrenza e ridurrebbe i prezzi per I prodotti di medio/alto prezzo. Di conseguenza ridurrebbe i prezzi nei ristoranti.

4. Eliminazione di spese eccessive nella frontiera: il sistema attuale impone tasse molto alte sulle importazioni alla frontiera (per il vino l'85% del prezzo di vendita pagato più PST & GST).

5. Eliminazione delle politiche di cooperazione aziendale discriminatorie: il sistema attuale ha creato una serie di politiche che sono progettate per migliorare le entrate del Liquor Distribution Branch a scapito dei rivenditori privati, dei ristoranti e dei consumatori. Per esempio, le licenze private non sono autorizzate a fare affari lontano dai loro locali autorizzati, non possono trasferire I prodotti tra sedi della stessa catena, di vendere ad altri licenziatari. Con un sistema di "flat tax", queste politiche potrebbero essere eliminate.

Risulta impegnativa la riforma dell'attuale sistema di tassazione dei liquori in British Columbia ma è probabilmente la piu’ importante cosa che il Governo potrebbe fare per portare le industrie di liquori in linea con le giurisdizioni concorrenti. Il passaggio a un sistema di vendita all'ingrosso basato sulla "flat tax" è uno dei pochi modi che il Governo può garantire, o addirittura aumentare, le entrate annuali prevedendo anche dei benefici a livello di vendita al dettaglio per i consumatori.

tradotto da Special to the Vancouver Sun November 26, 2013