IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Martedi 26 Novembre 2013

Andrea Balleri vince il titolo di miglior sommelier d'Italia

Ieri a Milano ha sbaragliato la concorrenza di Emanuele Riva e Daniele Arcangeli.

di Redazione Wine Meridian

È toscano il migliore sommelier d’Italia dell'Ais: si chiama Andrea Balleri che ha sbaragliato la concorrenza ieri a Milano nella finale del Premio Franciacorta. Sul podio assieme a lui sono saliti al secondo posto il lombardo Emanuele Riva, terzo un altro toscano, Daniele Arcangeli. Al vincitore un assegno da 7.000 euro e 6 magnum di Franciacorta, consegnate da Maurizio Zanella, Presidente del Consorzio Franciacorta che, per il quarto anno consecutivo, è partner del Concorso con l’obiettivo di sostenere AIS nella diffusione della conoscenza delle più prestigiose realtà vitivinicole italiane e nella promozione della cultura del vino, di cui i sommelier sono i principali portavoce sia in Italia che all’Estero. 

Alle finali erano approdati in 12 sommelier, da diverse delegazioni regionali della Ais (Associazione italiana sommelier). I migliori tre sono stati selezionati per la finale. I Sommelier sono stati giudicati da una giuria composta da colleghi professionisti, giornalisti di settore e dal campione mondiale Luca Martini.
In una sessione di prova di 30 minuti hanno dovuto sostenere diverse prove, degustato e riconosciuto alla cieca tre vini diversi e tre distillati. Di seguito la prova di abbinamento vino e cibo, e il servizio di un magnum di Franciacorta, infine la prova di accoglienza in inglese e italiano. 
«Se oggi nel nostro Paese si beve meglio e soprattutto con maggiore senso di responsabilità – ha dichiarato Antonello Maietta, Presidente dell’AIS – è anche grazie al contributo dei sommelier che, nei ristoranti, nelle enoteche, nelle aziende vitivinicole e ultimamente anche negli ipermercati, interpretano al meglio il ruolo di comunicatori del vino di qualità. Siamo davvero soddisfatti – prosegue Maietta – dell’ottimo livello di preparazione dei sommelier in gara che dimostra come la didattica di altissimo profilo di scuola AIS  rappresenti uno strumento formativo autorevole per praticare con successo questa professione». 
 
«Per la cultura della qualità in campo enologico il sommelier è il primo canale di diffusione – ha concluso Maurizio Zanella, Presidente del Consorzio Franciacorta. Per noi è un piacere essere al fianco di AIS anche quest’anno per la finale che vede protagonisti i migliori giovani protagonisti dell’enologia di oggi e di domani che possono e devono essere volano verso il consumatore della storia, della tradizione del territorio oltre che, ovviamente, del prodotto vino che, per l’Italia, rappresenta uno dei migliori biglietti da visita con cui presentarsi nel mondo».