IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Italian Wine Tour

Italian Wine Tour: 6 settimane, 90 aziende e 7000km in camper alla scoperta della nostra Italia del vino con focus l'Hospitality. Un viaggio che ci porterà a scoprire i servizi enoturistici e le risorse umane delle cantine italiane che hanno fatto dell'accoglienza un asset strategico della loro azienda.
Italian Wine Tour Giovedi 22 Luglio 2021

L’accoglienza senza limiti da Marco Carpineti

Il racconto delle persone che ci hanno accolto nelle loro aziende facendoci capire l’importanza della relazione.

di Lavinia Furlani

Se è vero che lavorare in aziende di famiglia è complesso e talvolta non gratificante, è altrettanto vero che, quando la famiglia è unita e funziona con armonia, si percepisce un’energia che già ci sintonizza con l’accoglienza.

È quello che ci è capitato nell’azienda Marco Carpineti.

Parto dalla fine: avevamo un webinar a cui partecipare ed Isabella e Marco ci hanno permesso di rimanere in azienda fino alle 21.30 per godere di buona connessione e non dover fare il webinar su Gino. Come se fosse la cosa più naturale del mondo tenere aperta l’azienda due ore oltre l’orario classico.

Marco Carpineti è una persona speciale: ci ha incantato con un racconto personale, aziendale, territoriale e regionale di assoluta onestà. Non è da tutti lasciare un lavoro sicuro, nel pubblico impiego, per decidere di cimentarsi in una nuova avventura e portarla in pochi anni ad un livello di eccellenza e notorietà come è oggi Carpineti.

“Non faccio niente di speciale, faccio solo il contadino” ci dice Marco, con gli occhi pieni di amore. Amore che trasferisce ogni giorno in azienda, in un continuo investimento strutturale, ma sopratutto in investimento sulle risorse umane. “Per zappare ci vuole la capoccia”, prosegue Marco, e sono molti infatti i progetti di riqualificazione, di crescita e di supporto che l’azienda mette a disposizione per far crescere chi vuole dare un contributo nel mondo del vino.

È un piacere e un privilegio ascoltarlo, un fiume in piena di aneddoti, di testimonianze, di racconti che mescolano vita aziendale e vita famigliare; Marco ha il piacere della condivisione e quella voglia di sano confronto che caratterizza un imprenditore sano e sempre in cammino. Con una sensibilità che arriva da chi sa cosa vuol dire fare sacrifici e un profondo rispetto per il prossimo. Si è commosso raccontandoci la storia di un suo collaboratore e ha fatto piangere tutti noi. Quando scendono lacrime vuol dire che c’è autenticità e tutto il resto passa in secondo piano.

Isabella Carpineti, 31 anni, è un’esplosione di carisma, energia, fascino e passione. Sono queste le donne che fanno e faranno la differenza nel mondo del vino. Un sorriso contagioso, uno sguardo diretto, una capacità comunicativa dirompente che nasce dall’amore per la sua azienda. Isabella ha il gusto del bello e ha fatto della contaminazione il suo cavallo di battaglia.

“Ho sempre visto fare le stesse cose nel mondo del vino e ho iniziato a guardare altri settori, come quello della moda, per trarre degli spunti creativi”.

Si vede il suo tocco in ogni dettaglio, ed è un piacere sentirla raccontare progetti ed idee che saranno presto a disposizione dell’azienda.

Sul fronte wine experience ha creato un pacchetto davvero originale di proposte, ma tutte sensate e legate da un filo conduttore credibile e in linea con l’identità aziendale: tutto è collegato e collegabile ad un cuore aziendale fortemente riconoscibile.

Di Isabella mi ha colpito l’umiltà. Quando vediamo una bella donna, sicura di sè e molto caparbia, ci viene immediato pensare che sia una che “se la tira” . In lei è l’opposto, ama mettersi a disposizione degli ospiti, chiedere il loro punto di vista e condividere con autentica semplicità non solo i racconti aziendali, ma anche storie di vita privata.

Non ho conosciuto di persona Andrea Busini perché sono arrivata a visita iniziata, ma mi è bastato il feedback dei nostri collaboratori Paolo e Claudia per capire che tutte le risorse impiegate nell’ospitalità hanno delle skills vincenti. A partire dalla maglia di Andrea con scritto Carpineti Experience, che fa percepire come l’esperienza sia alla base dell’enoturisimo, sintonizzando da subito l’enoturista.

 

I suggerimenti e le idee di accoglienza che abbiamo colto da Marco Carpineti:

  • offrire delle esperienze originali ma sempre collegate con la filosofia aziendale e non tanto per stupire;

  • far fare esperienze tecniche come la potatura invernale, l’esperienza in vigneto;

  • creare un catalogo con grafica e descrizione dei pacchetti ospitalità chiari e accattivanti;

  • avere una maglia per lo staff dedicata all’Hospitality.