IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Export

Trova le informazioni per approfondire la conoscenza dei mercati internazionali e per sviluppare un business vincente. Troverai una suddivisione per zona geografica.

Export Mercoledi 19 Giugno 2019

Giappone: here we go again!

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?

di Noemi Mengo

Regioni di provenienza dei prodotti. Fonte: Agrifood Monitor - Nomisma

Ultimamente gli stiamo dedicando molte attenzioni, poiché non vogliamo lasciarci sfuggire la possibilità di osservare la frenetica evoluzione di questo mercato e dei suoi consumatori. Stiamo parlando, naturalmente, del Giappone, meta indiscussa per gli affari nel mondo del vino dell’ultimo decennio. 


Di recente Agrifood Monitor, in partnership con Nomisma e CRIF, a seguito del IV Forum tenutosi presso il Palazzo di Varignana lo scorso 10 giugno, ha rilasciato dei dati molto interessanti inerenti al mercato giapponese, che ci sembra doveroso riportare ai nostri lettori. 

Innanzitutto è bene sottolineare che, ad oggi, con un valore superiore ai 57 miliardi di euro, il Giappone rappresenta il quinto mercato al mondo per import di prodotti alimentari, fra i cui fornitori rientra l’Italia. Al momento il Made in Italy alimentare pesa poco, l’1,5% sul totale, ma la crescita è indiscutibile: nell’ultimo anno l’import di vino italiano è cresciuto ad un tasso medio annuo del 4%. I principali concorrenti restano gli Stati Uniti, l’Australia e i Paesi Asiatici, ma grazie all’accordo di libero scambio entrato in vigore dal 1 febbraio 2019 tra UE e Giappone, i prodotti italiani sono diventati più competitivi, grazie all’abbattimento di dazi e barriere non tariffarie. Nel corso dell’ultimo decennio il valore degli acquisti dal nostro Paese sono passati da 537 a 865 milioni di euro, denotando una crescita superiore al 50%. Crescita che ritroviamo anche nei primi dati relativi al 2019. Nel primo quadrimestre di quest’anno infatti, le importazioni di prodotti agroalimentari italiani (nell'immagine in fondo all'articolo trovate le principali regione italiane di provenienza) in Giappone sono cresciute di quasi il 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, rispetto ad una media di mercato che ha visto aumentare l’import totale di food&beverage di circa il 9%.

Nell’ottica di voler aumentare la penetrazione all’interno del mercato, già forte grazie all’accordo di libero scambio, è stata indetta un’analisi che osservasse la percezione da parte del consumatore locale e la reputazione dei prodotti italiani, al fine inoltre di capire come mantenere o conquistare maggiore fiducia e assicurarsi rapporti consolidati di fornitura.
Dalla survey realizzata e presentata durante il Forum, emerge che nella percezione dei 1.000 consumatori giapponesi interrogati, l’Italia si qualifica come paese più rappresentativo del food di qualità, surclassando Francia e Stati Uniti, ovvero gli attuali maggiori fornitori nel mercato. 

Non tutti i consumatori, però, si dicono pronti ad acquistare ad occhi chiusi un nostro prodotto: la stragrande maggioranza dei giapponesi, infatti, è sensibile al prezzo e razionale nelle scelte di acquisto. Questa categoria di consumatori, rientra fra la prima delle 4 categorie individuate dall’analisi, ovvero quella dei "tradizionalisti cauti", che dalla survey occupa il 48% del totale. A seguire, il gruppo, al 36%, dei "millennials sperimentatori", ossia giovani dai 18 ai 38 anni, curiosi, aperti alle novità ed attratti dalla cultura occidentale. Terzo segmento: i "giramondo spensierati" (il 10%), consumatori della Generation X dai 29 ai 54 anni, la cui capacità di spesa è decisamente più alta rispetto alla classe più giovane. Sono attratti dal conoscere nuove culture, amano viaggiare e sono conquistabili tramite internet, degustazioni, cooking show, abbinamenti cibo e vino, secondo il report. Il quarto segmento al momento è il più debole (al 6%) ed è quello dei "salutisti consapevoli", ovvero i baby boomers dai 55 ai 65 anni, tendenzialmente con reddito alto e grande attenzione per provenienza ed aspetti salutistici.

Sappiamo bene che in questo settore lo sviluppo dell’export è un processo complesso e certosino, specie per le aziende di piccole e medie dimensioni, per le quali entrare in un nuovo mercato significa sostenere investimenti non da poco, in termini di denaro, ma anche di tempo. Per questo motivo cerchiamo di sostenere le PMI del vino italiane, guidandole, attraverso i nostri tour internazionali, nel conoscere il mercato e accompagnandole, favorendo gli incontri con importatori e figure chiave per il business del vino.
Il Giappone rientra fra le destinazioni di approdo dei nostri tour, poiché riteniamo che sia un mercato vivo e disposto ad evolversi a nuove tendenze. Secondo noi è il momento ideale, per tutte le PMI, per rimboccarsi le maniche e mettere in valigia il passaporto e le migliori skills (perché ne abbiamo parecchie!). 

Il nostro calendario è in continuo aggiornamento, lo potete trovare qui, nella sezione dedicata.