IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Esperienze Aziendali

Le aziende sono un osservatorio privilegiato per capire le dinamiche del mercato ma anche i diversi modelli di comunicazione. Per questo abbiamo scelto di raccontare le esperienze aziendali non per pubblicizzare alcuni brand ma per evidenziare quelle realtà produttive che sono riuscite ad essere originali e vincenti attraverso le loro scelte in vigna, in cantina, sui mercati.
Esperienze Aziendali Lunedi 04 Ottobre 2021

La strada maestra di Poggio le Volpi passa per la DOC Roma

L’azienda di Monte Porzio Catone, produttrice di Frascati da 3 generazioni, ha scelto di valorizzare il vino di Roma con una linea di prodotto di pregio e carattere.

di Claudia Meo

La strategia di prodotto di Poggio Le Volpi, azienda guidata da Felice Mergè, è oggi chiara, coerente e fedelmente ancorata al territorio: da un lato proseguire nella produzione di un Frascati Superiore che nelle sue diverse declinazioni ha meritato all’azienda importanti riconoscimenti, sia di mercato che di critica enologica; dall’altro, sviluppare il mercato della linea ROMA DOC, che annovera un bianco, un rosato e due rossi, 4 etichette che rendono protagonisti vitigni che, per le loro caratteristiche, la fanno da padrone in questo crogiolo di storia enologica chiamato Lazio. 

La nascita di questa recente appellazione e dell’omonimo Consorzio è il giusto riconoscimento di un passato e di una terra nei quali il vino ha svolto un ruolo di grande rilievo: non solo per assicurare l’apporto calorico nell’alimentazione quotidiana di generazioni di romani, ma anche per impreziosire i fasti dei patrizi di ogni epoca, fino poi a assumere un ruolo di sacralità proprio in quella Roma che è stata ed è la culla del Cristianesimo.

I testi di un tempo raccontano di una Roma che nel Cinquecento era ricchissima di vigne, a mano a mano spinte fuori città dallo sviluppo urbanistico, che ha di fatto creato le condizioni affinchè le zone di produzione si allontanassero dai luoghi di consumo, trovando altrove la propria vocazione territoriale, come è stato per l’area di Frascati e Monte Porzio.

La DOC Roma comprende territori morfologicamente molto diversificati tra loro, che caratterizzano la parte centrale del Lazio, che spaziano tra colli, campagne e litorali: nell’area di Monte Porzio Catone, costruita su un blocco di tufo nell’areale della antica Tusculum, prevale la vulcanicità, caratteristica di massimo pregio per precursori aromatici e mineralità.

Caratteri che troviamo esaltati nel ROMA DOC BIANCO, Malvasia puntinata in purezza, vitigno che in questo territorio spadroneggia la scena con raffinatezza. Questo calice ci regala al naso un ventaglio intenso e complesso di sentori floreali e di frutta, sia fresca che secca; in bocca sapidità, struttura e morbidezza danno un equilibrio e una persistenza fuori dal comune; vino che interpreta magistralmente questo angolo di Lazio e che continua a guadagnare giudizi entusiasti da parte della critica enologica: è di questi giorni il riconoscimento dei Tre Bicchieri da parte del Gambero Rosso. Si candida tra i favoriti per un perfetto abbinamento con piatti speziati di pesce – scommettiamo su una rana pescatrice allo zafferano - ma anche per un felice sposalizio di territorio con una carbonara a regola d’arte.

Poggio le Volpi è tra le aziende più rappresentative della DOC Roma, che ha visto crescere rapidamente dalla sua istituzione sia l’interesse della ristorazione che della GDO.

Nella strategia commerciale dell’azienda gioca un ruolo importante la formula di accoglienza di charme nella barricaia-ristorante dove, vigne a vista, è possibile vivere una esperienza gastronomica che coniuga territorio e ricercatezza.

A completare le scelte commerciali, anche la notevole spinta sui mercati esteri, che quest’anno hanno fatto registrare ottimi risultati, soprattutto in nord America e in nord Europa: buono il riscontro dai monopoli europei e da Germania e Paesi Bassi. Tra i progetti a cui si sta lavorando, l’ingresso in Francia e Spagna, vicini di casa competitivi e territoriali.
Missione sfidante, ma non è la prima volta che il vino parte da Roma per solcare il Mediterraneo… e come è andata, lo testimonia la storia!