IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Esperienze Aziendali

Le aziende sono un osservatorio privilegiato per capire le dinamiche del mercato ma anche i diversi modelli di comunicazione. Per questo abbiamo scelto di raccontare le esperienze aziendali non per pubblicizzare alcuni brand ma per evidenziare quelle realtà produttive che sono riuscite ad essere originali e vincenti attraverso le loro scelte in vigna, in cantina, sui mercati.
Esperienze Aziendali Mercoledi 29 Dicembre 2021

Amarone e Ripasso: i vini di fascia alta della Valpolicella continuano a conquistare il mercato

Cantina Valpolicella Negrar chiude un anno di grandi progressi e, grazie alla multi-canalità, coglie tutte le opportunità di un mercato in evoluzione.

di Claudia Meo

Abbiamo intervistato Daniele Accordini, Direttore Generale di Cantina di Negrar, per avere un suo commento sul lavoro svolto nel 2021, sulle iniziative e sui riconoscimenti di mercato che consentono di rendicontare un anno non scontato, che per Negrar entrerà senz’altro nella storia.

 

Daniele, quali sono i principali risultati che Cantina Valpolicella Negrar ha totalizzato nel corso del 2021 e quali sono i driver che hanno permesso di raggiungerli?

In un anno pienamente condizionato dal Covid il nostro bilancio chiuso al 31 luglio 2021 evidenzia un fatturato superiore del 14% all’anno precedente: un risultato per niente scontato, per il quale tuttavia abbiamo lavorato dal primo giorno dell’anno con impegno, convinti che la nuova situazione offrisse opportunità che andavano soltanto individuate e colte. Grazie all’approccio multi-canale che Negrar adotta per scelta strategica, la flessione del segmento Horeca è stata più che bilanciata da una crescita a due cifre della GDO e a tre cifre del canale on-line. In particolare abbiamo verificato l’efficacia dei market place virtuali, che riteniamo mostreranno una spinta importante anche nei prossimi anni: riteniamo non sia un fenomeno transitorio indotto dalla pandemia, ma un cambio culturale del mercato. Anche per questo abbiamo voluto investire tempo e risorse, per poterci dotare di un market place più personalizzato: nell’ambito della Rete cooperativa di cui facciamo parte, The Wine Net, abbiamo avviato un e-shop dedicato ai vini cooperativi italiani, che ha preso il via proprio in questi giorni.

Anche le vendite presso i punti vendita aziendali hanno mostrato una importante tenuta. Quello che ci fa ancora più piacere è osservare che i vini che hanno mostrato il maggior favore del mercato sono quelli “premium” e non, come ci si sarebbe potuti attendere, quelli di fascia più contenuta: è per noi una conferma che il consumatore continua a dare credito ai nostri vini di qualità.

 

Dal punto di vista delle denominazioni di riferimento per la produzione di Negrar cosa si è evidenziato in questi primi mesi del 2021?

Tutte le denominazioni Valpolicella quest’anno hanno mostrato una crescita importante: le vendite di Valpolicella hanno segnato un + 8% nei primi 11 mesi del 2021, mentre nello stesso periodo si registra un incremento delle vendite di Ripasso del 14% e di Amarone del 26%. La maggiore richiesta del mercato si è già tradotta in un aumento dei prezzi delle uve di un 20-25% e in un apprezzamento dei valori unitari dello sfuso; i prezzi medi dell’imbottigliato sono destinati a crescere di conseguenza in modo sensibile nei prossimi mesi.

 

In questo trend di crescita come si posiziona dal punto di vista qualitativo la vendemmia di quest’anno?

Guardando a tutto il periodo che ho trascorso in Cantina Negrar, mi sento di affermare che quella 2021 è stata la migliore vendemmia degli ultimi 33 anni! Il termometro ha segnato 32-34° soltanto per pochi giorni quest’anno e ciò ha salvaguardato il livello di acidità, garanzia di longevità per i nostri vini; ci aspettiamo un ottimo equilibrio nei vini di quest’anno; da non trascurare il fatto che durante il periodo di appassimento abbiamo avuto un’ ottima ventilazione, anch’essa un elemento di estremo rilievo per l’evoluzione della materia prima.

 

In questi anni Cantina Negrar ha meritato importanti tributi da parte del mercato e della critica enologica: quale riconoscimento 2021 ritieni sia più significativo per ciò che Negrar rappresenta sul mercato?

Mi fa piacere ricordare la menzione da parte della rivista tedesca Weinwirtshaft, che anche quest’anno, come è già successo in passato, ci ha tributato il primo posto tra le cooperative italiane: hanno contribuito a questo importante riconoscimento la particolare formula qualità-prezzo dei nostri vini, nonché la cura dell’immagine della nostra cantina. Molti dei nostri prodotti hanno poi conquistato ottime posizioni in concorsi internazionali. Motivo di particolare soddisfazione, al di là della critica, sono poi i risultati conseguiti su alcuni mercati, difficili per natura, come il nord Europa, in particolare Norvegia, Svezia, Danimarca, che hanno mostrato un vivo e crescente interesse per i nostri vini, nonostante le dinamiche negative indotte dal Covid.