IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Esperienze Aziendali

Le aziende sono un osservatorio privilegiato per capire le dinamiche del mercato ma anche i diversi modelli di comunicazione. Per questo abbiamo scelto di raccontare le esperienze aziendali non per pubblicizzare alcuni brand ma per evidenziare quelle realtà produttive che sono riuscite ad essere originali e vincenti attraverso le loro scelte in vigna, in cantina, sui mercati.
Esperienze Aziendali Lunedi 10 Gennaio 2022

12 mesi di buone notizie e di importanti traguardi per Cantina Frentana

Cantina Frentana riafferma la sua vocazione sociale e raggiunge nel 2021 grandi risultati in termini di volumi, qualità e riconoscimenti della critica enologica.

di Claudia Meo

La Cooperativa di Rocca San Giovanni, protagonista enologica di un territorio marcato dalla suggestione della Costa dei Trabocchi e dalla maestosità della vicina Majella, ha superato la linea delle 60 stagioni: una storia che la vede crescere sul fronte delle quantità, della solidarietà a tutto tondo, delle iniziative di valorizzazione del territorio e, non ultimo, di premi prestigiosi tributati dalla critica alle proprie etichette.

L’8 maggio scorso è stata deliberata l’importante aggregazione societaria con la Cooperativa Cantina Sangro di Fossacesia, progetto che ha richiesto 4 anni di preparazione e di strategie: un risultato di grande rilievo dal punto di vista produttivo e commerciale, ma anche di grande significato simbolico per il territorio, che esalta lo spirito sociale e sostenibile dei suoi protagonisti.

Crescono i “numeri” di cantina Frentana

In termini di quantità, i 70 ettari di vigneto “acquisiti” da Frentana hanno naturalmente influenzato l’ultima vendemmia, che ha fatto registrare 22.300 tonnellate di uva, con un + 10% rispetto allo scorso anno; un risultato che può definirsi il massimo storico di Frentana nei suoi 60 anni di vita.

A questi importanti volumi fanno da prezioso corredo una qualità e una sanità delle uve che hanno beneficiato di una stagione inizialmente condizionata da una forte siccità, ma che in corso d’opera ha regalato una bell’apporto di pioggia, un settembre caldo soleggiato e basse temperature notturne: un ultimo mese in grande stile, quindi.

Migliorano anche quest’anno le performance di Cantina Frentana nella produzione di uve biologiche, grazie alla crescente sensibilizzazione dei soci nei confronti di una chiara ed esigente richiesta del mercato per un prodotto che sia al contempo sano e poco impattante sul pianeta. Ma l’attenzione della Cooperativa nei confronti della tutela ambientale si manifesta anche nelle sue scelte interne di tipo produttivo e gestionale: nel 2021 Frentana si è dotata, prima cooperativa in Abruzzo, del certificato verde per l'approvvigionamento di energia pulita: entrambi gli stabilimenti di Frentana e Sangro utilizzano al 100% energia prodotta da fonti rinnovabili.

I premi della critica

Il 2021 è stato decisamente fecondo sul fronte dei riconoscimenti da parte della critica enologica. Testimonial d’eccezione è stato il Rosato Igt Terre di Chieti Vallevò Costa dei Trabocchi che, a soli 4 anni dalla sua nascita, ha conquistato, tra gli altri, il prestigioso riconoscimento da parte di Wine Enthusiast, che l’ha annoverato tra i 100 migliori vini al mondo sotto i 15 $, in compagnia di altri 10 vini italiani: un tributo alla voglia di Cantina Frentana di rinnovarsi, di proporre un prodotto in grado di conquistare il pubblico, a suon di qualità e di carattere: una bandiera, il Rosato Vallevò, che sventola ben in vista, suggellando il forte legame tra la Cantina e il territorio.

Per citare soltanto alcuni tra gli altri riconoscimenti di quest’anno: la presenza nella rassegna Radici del Sud, dedicata agli autoctoni del Mezzogiorno d’Italia, ha fruttato a Frentana un primo e un secondo posto ex aequo per i due bianchi della linea Costa del Mulino Pecorino e Cococciola; dal Concours mondial de Bruxelles Cantina Frentana porta a casa 2 medaglie d’oro (Montepulciano d’Abruzzo Doc Riserva Terra Regia e Abruzzo Doc Pecorino Terra Regia), due medaglie d’argento, e altrettante nella Selezione Rosè.

Cantina Frentana per il territorio

L’imprinting che lega Frentana al proprio territorio, a partire dal nome, che si richiama alla presenza, in questo meraviglioso lembo di Centro Italia, di un antico popolo di origine sannitica qui approdato alla ricerca di favorevoli condizioni di vita e di sviluppo, si manifesta anche nelle iniziative a sostegno del turismo promosse dalla Cantina.  La Via dei Trabocchi, che si decida di passeggiare rilassatamente lungo la sua costa, con lo sguardo rivolto verso est, o che si inforchi una bicicletta per percorrerla tutta, rappresenta l’arteria emozionale del territorio frentano; via ciclo-pedonale che collega i trabocchi, passando per la Riserva naturale regionale di Punta Aderci, sta diventando uno dei punti cospicui del turismo del Centro Italia. 5 i diversi percorsi, per bici di tutte le fogge e tutti i gusti, che Frentana propone con il progetto Frentanbike, che coniuga la passeggiata in vigna, la visita alla Torre Vinaria e la scoperta di luoghi di grande rappresentatività culturale, spirituale, storia, agreste e paesaggistica.

Questo progetto è una rinnovata manifestazione di intenti, una conferma di quanto la Cooperativa creda nella sinergia tra promozione del vino e marketing turistico: un’iniziativa che apre interessantissime prospettive per l’enoturismo della zona, in forte ascesa in questi anni.

Cantina Frentana è da qualche anno impegnata nel progetto The Wine Net, esperienza di Rete tra le eccellenze cooperative del vino italiano, cui prendono parte aziende dai diversi angoli dello Stivale. Molte sono state le iniziative di quest’anno. Fra tutte segnaliamo che ha appena acceso i motori l’e-shop di vini cooperativi italiani targato The Wine Net: Frentana, come le altre coop, popola gli scaffali del negozio virtuale con una ricca selezione di etichette pronte ad intercettare, a partire dall’ormai prossimo Natale, le curiosità dei wine lover più esigenti.