IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Tasting

I tasting di Wine Meridian non vogliono limitarsi a raccontare le caratteristiche dei vini ma riuscire ad entrare nella filosofia produttiva di un’azienda, nell’anima più autentica di un territorio al fine di poter comunicare al mondo la straordinaria ma complessa eterogeneità del nostro giacimento vitienologico.
Tasting Lunedi 02 Dicembre 2013

Roberto Anesi degusta Recioto della Valpolicella Classico La Roggia 2009 Speri

Un vino dalla dolce ed elegantissima stoffa

di Roberto Anesi


Ho potuto recentemente visitare la Valpolicella ed oggi vi racconterò di un vino che mi ha davvero colpito! Siamo nel veronese, in una delle zone che spiccano per la concentrazione di uve autoctone (corvina, rondinella, molinara, oseleta, ecc.) a discapito delle poco prodotte varietà internazionali.

La Valpolicella ha un’estensione vitata di circa 3000 ha nella parte storica, quella Classica, più altri 3300 nella zona allargata ed è sicuramente una delle aree viticole italiane più conosciute all’estero grazie alla fama dell’Amarone, vino ottenuto con la tecnica di produzione specifica dell’appassimento che ne ha fatto anche da volano ai fini della diffusione commerciale dell’intera denominazione.

Qui ho potuto visitare una delle aziende più tradizionali del territorio: quella dei Fratelli Speri che nella vallata di Fumane, nome derivante da "fumo", parola che sta a ricordare le origini vulcaniche di quest'area, posseggono circa 50 ettari di vigne in totale conversione biologica che dovrebbe essere portata a termine nel 2014.

Ho potuto degustare tutta la linea di vini prodotti ma uno in particolare mi ha colpito per la sua dolce ed elegantissima stoffa: il Recioto della Valpolicella Classico Docg La Roggia 2009 Speri, vino ottenuto da un lungo processo di lavorazione. Per farvi immediatamente capire cosa intendo userò un esempio concreto: pensate che il lungo appassimento al quale le uve di Corvina Veronese e Rondinella sono sottoposte porta ad una drastica riduzione delle rese finali che da 100 chili di uva fresca daranno 60 chili di uva dopo l'appassimento forzato di circa 3 mesi dai quali si otterranno solo 25 litri di prodotto finale dopo ben 5 anni di lavorazione!! Ecco quindi che con doveroso rispetto vi racconto della degustazione di questo splendido vino che nel bicchiere si presenta con un colore fitto e di un rosso rubino impenetrabile, che si offre la naso con ricordi di amarena sotto spirito, polvere di cacao e tocchi balsamici con un piacevole finale speziato. In bocca è dolce ma molto equilibrato, tannini appena percettibili ed un piacevole finale che riporta a note di confetture di piccoli frutti e cioccolato. Un vino di grande armonia da abbinare a dolci a base di cioccolato o formaggi piccanti ma risulta ottimo anche da solo come compagno ideale per piacevoli momenti di meditazione... ovviamente con amici cari!