IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Asia Lunedi 19 Luglio 2021

Asia-Pacifico: ottimi segnali di ripresa

Dopo una flessione del -8% nel 2020, quest’anno aumenti previsti sia in volume (+2%) che in valore (+4%). Le vendite di alcolici nei mercati dell'Asia-Pacifico dovrebbero tornare ai livelli pre-Covid entro il 2025.

di Emanuele Fiorio

IWSR ha esaminato 19 mercati della regione Asia-Pacifico, i dati mostrano che il volume totale delle vendite di alcolici in Asia-Pacifico è diminuito di circa -8% nel 2020, ma la ripresa dei volumi nella regione dovrebbe tornare ai livelli pre-Covid entro il 2025
Tutte le principali categorie di alcolici, ad eccezione del vino, dovrebbero registrare una crescita di volume nel periodo 2021-2025:

  • birra a quasi +2%; 
  • distillati +0,5%; 
  • ready-to-drink (RTD) a quasi +6%;
  • sidro a oltre +1%


Sarah Campbell, direttrice della ricerca per l'Asia Pacifico di IWSR, sottolinea che: “Sebbene si sia trattato di una flessione senza precedenti, il declino delle bevande alcoliche in Asia-Pacifico è stato inferiore alle previsioni, diversi fattori hanno aiutato il settore l'anno scorso:

  • l'accelerazione dell'e-commerce,
  • la crescita degli RTD,
  • il forte consumo domestico nei mercati chiave,
  • la resilienza di paesi come Cina ed Australia che sosterranno la crescita della regione in futuro."


Il travel retail, colpito duramente a causa del blocco dei viaggi internazionali e del turismo, ha perso oltre il -70% del volume in Asia Pacifico lo scorso anno, ma IWSR prevede che il volume del canale crescerà di oltre il +50% nel 2021. 

Inoltre la decisione del governo cinese di designare Hainan come territorio duty-free per le bevande alcoliche, garantirà una ulteriore spinta, stimolando l'attività del travel retail a lungo termine nella macro-regione APAC (Asia-Pacifico).

Australia
L'Australia è principalmente un mercato off-trade, quindi durante l’emergenza Covid-19 la crescita nel retail è stata facilmente in grado di compensare le perdite nei negozi on-premise nella maggior parte delle categorie e la migrazione delle vendite travel retail verso il mercato domestico ha fornito un ulteriore impulso. In totale, le bevande alcoliche in Australia sono cresciute di circa +3% l'anno scorso, il primato nella regione. 
    • La birra ha mostrato una crescita di volume di quasi +3% nel 2020, un risultato in controtendenza rispetto al declino in altri mercati globali. 
    • La categoria del vino ha registrato un declino, ma lo Champagne è cresciuto di oltre il +12%. 
    • Distillati e RTD sono le due categorie che hanno registrato i maggiori aumenti di volume nel 2020.

Cina
A causa della sua dipendenza dall'on-trade, il volume totale degli alcolici è stato colpito duramente dal Covid-19 (con un -6% dal 2019 al 2020). Tuttavia, si prevede una crescita di quasi +4% nel 2021. 
    • Gli alcolici aromatizzati e gli RTD hanno registrato una buona performance nel 2020;
    • I single malt hanno registrato un +20% nel 2020, dato che rappresentano una delle poche bevande che i consumatori cinesi apprezzano a casa o in piccoli gruppi;
    • Gli alcolici in generale, tuttavia, sono diminuiti di quasi il -5% nel paese l'anno scorso (-3% escludendo gli alcolici nazionali, come il Baijiu). 
L'e-commerce ha visto una crescita impressionante nel mercato da una base già ampia, e le vendite online di alcolici in Cina dovrebbero continuare a crescere nei prossimi cinque anni, nonostante l'inclinazione del mercato verso il settore Horeca.

India
Con la chiusura di tutti i bar e della maggior parte dei negozi di liquori nel paese, il volume totale delle bevande alcoliche è diminuito di quasi il -30% l'anno scorso. Tuttavia si prevede che il mercato si riprenderà, superando il +8% di volume CAGR 2021-2025. La birra dovrebbe registrare una crescita di quasi +13% in volume durante lo stesso periodo. 
Il whisky in India, la categoria dominante tra gli alcolici, nel 2020 ha subito un calo del -16%, ma lo scotch premium ha goduto di una crescita, così come i whisky irlandesi e giapponesi, guidati dai consumatori alto-spendenti. A differenza di molti altri paesi della regione, l'e-commerce di alcolici non gioca un ruolo di rilievo a causa dei regolamenti governativi e dei limitati investimenti nel canale.

Giappone
In Giappone nel 2020 le vendite di alcolici sono scese del -5%, ma il mercato dovrebbe tornare ai livelli pre-Covid entro il 2024, con una previsione di oltre +2% di CAGR in volume 2021-2025. 
La categoria dei ready-to-drink in Giappone rappresenta circa il 20% del mercato globale RTD, ed è cresciuta quasi del +12% nel 2020. Il volume totale delle bevande alcoliche in Giappone è previsto in crescita nei prossimi cinque anni, con gli RTD proiettati a crescere a quasi +6% CAGR volume 2021-2025.

Filippine
Anche se nel 2020 i volumi totali di alcolici sono diminuiti, il mercato dovrebbe registrare un aumento di quasi il +7% nel 2021 e continuerà a crescere nei prossimi 5 anni, tornando ai livelli pre-Covid entro il 2023. 
Anche se i volumi di birra sono diminuiti nel 2020, i volumi di vino e distillati sono entrambi aumentati (vino +3% e distillati +2%). A guidare la crescita degli alcolici è stato il gin, con un aumento di quasi il +7% l'anno scorso - notevole dato che le Filippine sono già il più grande mercato mondiale del gin.

Singapore
Il volume totale delle bevande alcoliche a Singapore è sceso quasi del -9% nel 2020.
La birra che rappresenta oltre l'80% di tutto il consumo di alcol nel mercato, ha visto i volumi crollare a causa della diminuzione delle occasioni sociali all'aperto e dei pasti fuori casa. Circa il 75% del volume di vino nel mercato passa attraverso il commercio al dettaglio, che ha aiutato la performance della categoria (+12%) grazie all'aumento del consumo domestico e al leggero impatto delle chiusure sui ristoranti. IWSR prevede che il volume totale delle bevande alcoliche nel paese crescerà di circa +4% CAGR 2021-2025, tornando ai volumi pre-pandemici rapidamente, entro il 2022.

Thailandia
L'anno scorso l'economia della Thailandia è stata colpita duramente dal blocco dei viaggi internazionali, dato che le vendite di alcolici nel paese dipendono molto dai turisti occidentali. Il mercato locale degli alcolici si è dimostrato resiliente per tutto il 2020 grazie all'innovazione e al dominio dell'off-trade. IWSR prevede che una crescita del +4% CAGR nel periodo 2021-2025, guidata da birra, vino e RTD.